an image
Cari colleghi studenti,

in queste pagine, prive di alcuna istituzionalità, si trovano le trascrizioni degli appunti presi nel corso delle lezioni ed anche materiale di altro genere di interesse comune. In alcuni casi le trascrizioni sono integrate con riassunti dei capitoli corrispettivi del testo di riferimento per migliorarne la comprensione. Ma occorre fare attenzione, non sono testi ispirati, potrebbero contenere imprecisioni, errori, occorre discernimento.
E' superfluo dire che studiare su appunti e compendi è un errore grave, io però credo che questi documenti possano essere utili soprattutto a chi sta imparando la nostra lingua ed ha bisogno di veder espresso lo stesso concetto con parole diverse, oppure come spunto di discussione dopo aver affrontato in modo rigoroso gli argomenti. Insomma è necessario fare sempre riferimento ai testi e soprattutto ai docenti, mi raccomando. Chiunque ritiene di poter condividere un documento, di qualsiasi genere, può spedirmelo via email ed io lo pubblicherò in questa pagina. Buono studio, Fulvio.

















Qui trovate una serie di documenti (word) in cui sono accodati gli appunti delle lezioni di ciascuna disciplina ordinati cronologicamente. Ogni documento mantiene sempre lo stesso nome nel tempo, ma non è necessario conservare le versioni precedenti perchè la versione più aggiornata contiene sempre gli appunti di tutte le lezioni, a partire dalla prima.Si prega di segnalare errori o imprecisioni, grazie.

Primo Semestre
Filosofia
antica



Compendio Reale Antiseri integrato con appunti lez. Prof.ssa Maisano (7/2/2010)

Eutifrone - Platone
(31/10/2009)

Lettera Enciclica Fides et Ratio - S.S. Giovanni Paolo II
(2/11/2009)

Programma d'esame
(14/12/2009)

Filosofia
morale



Compendio
Filosofia Morale (Da Re)
(28/1/2010
Libro Completo, integrato da elementi tratti dalle lezioni)

Etica nicomachea
Aristotele
(27/10/2009)

Pentateuco
e L.Storici (esegesi)



ANNUALE

Appunti lez. Prof. Agius
(4/6/2010) completi

Compendio e traduzione italiana delle dispense (solo iniziata)
(18/11/2009)

Divino Afflante Spiritu - Lettera Enciclica - S.S. Pio XII
(2/11/2009)

DEI VERBUM
COSTITUZIONE DOGMATICA SULLA DIVINA RIVELAZIONE
(16/1/2010)

BIBLE MAP
I luoghi della Bibbia visti dal satellite e tracciati attraverso Google Map
(4/6/2010)

Diritto
Canonico




Fare riferimento al testo

Codice di Diritto Canonico
(29/10/2009)

Lumen gentium - Costituzione Dogmatica sulla Chiesa
(2/11/2009)

SACRAE DISCIPLINAE LEGES - COSTITUZIONE APOSTOLICA - PER LA PROMULGAZIONE DEL NUOVO CODICE DI DIRITTO CANONICO
(6/1/2009)

PASTOR BONUS - COSTITUZIONE APOSTOLICA- SULLA CURIA ROMANA
(6/1/2009)

Introduzione
alla Teologia



Appunti dalle lezioni della Prof.ssa Rossi
(28/1/2010)

Discorso di Subiaco del Cardinale Joseph Ratzinger Aprile 2005
(4/11/2009)

Storia delle
religioni



Appunti dalle lezioni del Prof. Mantovani
(22/1/2010)

Fotocopie India
(11/12/2009)

Secondo Semestre
Filosofia
medioevale



Appunti lez. Prof.ssa Casadei (1/6/2010)


Il pensiero di Agostino Compendio del cap. XV del testo di Reae/Antiseri (14/4/2010)

Metafisica



Appunti
lez. Prof. B.
(1/6/2010)

Sui sentieri dell'essere
Compendio di alcuni capitoli del testo
(15/6/2010)

Essere e Tempo
Martin Heidegger (wikipedia)
(15/3/2010)

Lingua greca
del N.T.




Alfabeto
(18/2/2010)

Mt 1, 1-17
(18/2/2010)

La Parola (risorse bibliche in italiano)
(18/2/2010)

Vocabolario greco/italiano
(18/2/2010)

NT Gateway Risorse sul Nuovo Testamento (in inglese)
(18/2/2010)

Nuovo Testamento in lingua greca
(18/2/2010)

Padre Nostro in lingua greca ed un suo studio in inglese
(18/2/2010)

Prologo Giovanni testo greco
(12/3/2010)

Prologo Giovanni - articolo P.Barbaglio
(18/2/2010)

Verbo Greco nel NT - grammatica (dispensa del padre Filippo Belli, Agostiniano, prof. Greco Biblico - Firenze)
(18/4/2010)

Logica e
Conoscenza



Appunti lez. Prof.ssa Lombardi
(4/5/2010)

Teologia
Fondamentale



Appunti lez. Prof.ssa Rossi
(27/5/2010)

COSTITUZIONE DOGMATICA SULLA DIVINA RIVELAZIONE
DEI VERBUM

(1/6/2010)

Pedagogia



Appunti dalle lezioni del Prof. Costa
(1/6/2010)

Qualche cenno sul testo La Paideia della Volontà
(C.Costa)
(30/6/2010)

Qualche cenno sul testo Libertà Liberata
(E.Ducci)
(30/6/2010)

Apologia di Socrate
(Platone)
(18/2/2010)

La Repubblica
(Platone)
(18/2/2010)

Lettere a Lucilio
(Seneca)
(18/2/2010)

ATTENZIONE: questi testi non sono nella traduzione consigliata dal docente
Teologia
Morale



Appunti lez. Prof. Kostko
(13/6/2010)

Tesario esame
(20/3/2010)

Intr.Padri
Storia Chiesa I



Appunti lez. Prof.ssa Cubbe
(23/3/2010)

Prime comunità Cristiane
(8/3/2010)

Clemente foglio1 foglio2 foglio3 foglio4 foglio5 foglio6 foglio7
(20/3/2010)

Pentateuco
e L.Storici (esegesi)



Corso annuale, vedi appunti nella sezione Primo Semestre





S.Tommaso D'Aquino : Somma Teologica - Testo integrale


Novità:





Carissimo, mi hai chiesto in che modo tu debba studiare per ottenere il dono della scienza ed ecco i miei consigli.- Non volere entrare subito in mare, ma arrivaci attraverso i ruscelli, perchè è dalle cose più facili che bisogna giungere alle più difficili.- Evita i discorsi inutili.- Mantieni la coscienza sempre pulita.- Non trascurare la preghiera.- Ama la riflessione e il luogo del tuo studio.- Sii cordiale con tutti.- Non essere curioso dei fatti altrui.- Approfondisci tutto quello che studi.- Prendi in considerazione gli esempi dei santi e delle persone rette.- Tieni in mente il bene che ascolti, chiunque sia la persona che parli.- Non avere eccessiva familiarità con alcuno, perchè essa genera disprezzo e fa trascurare lo studio.- Procura di comprendere ciò che leggi.- Chiarisci i dubbi.- Ricorda il più che puoi.- Non cercare cose superiori alle tue capacità.- Guarda come discepolo a quel S. Domenico che nella vigna del Signore produsse frutti meravigliosi.- Se osserverai queste norme di vita potrai raggiungere la mèta alla quale tu aspiri. Addio ”

Lettera attribuita a S.Tommaso D'Aquino



Contact Info
an image
Per iscriversi alla mailing list contattare l'indirizzo:

fulvio.napoli@virgilio.it





Blog
Punti saldi

Discorso di Benedetto XVI all'Università di Ratisbona - 12 settembre 2006
Illustri Signori, gentili Signore!È per me un momento emozionante stare ancora una volta sulla cattedra dell'università e una volta ancora poter tenere una lezione. I miei pensieri, contemporaneamente, ritornano a quegli anni in cui, dopo un bel periodo presso l'Istituto superiore di Freising, iniziai la mia attività di insegnante accademico all’università di Bonn. Era – nel 1959 – ancora il tempo della vecchia università dei professori ordinari. Per le singole cattedre non esistevano né assistenti né dattilografi, ma in compenso c'era un contatto molto diretto con gli studenti e soprattutto anche tra i professori. Ci si incontrava prima e dopo la lezione nelle stanze dei docenti. I contatti con gli storici, i filosofi, i filologi e naturalmente anche tra le due facoltà teologiche erano molto stretti. Una volta in ogni semestre c'era un cosiddetto dies academicus, in cui professori di tutte le facoltà si presentavano davanti agli studenti dell'intera università, rendendo così possibile una vera esperienza di universitas: il fatto che noi, nonostante tutte le specializzazioni, che a volte ci rendono incapaci di comunicare tra di noi, formiamo un tutto e lavoriamo nel tutto dell'unica ragione con le sue varie dimensioni, stando così insieme anche nella comune responsabilità per il retto uso della ragione – questo fatto diventava esperienza viva. L'università, senza dubbio, era fiera anche delle sue due facoltà teologiche.
Continua...

Definizioni

Moralismo e Morale
Come un bambino che impara a camminare, cade dieci volte, ma tende a sua madre, si rialza e tende. Il male non ci ferma: possiamo cadere mille volte, ma il male non ci definisce, come invece definisce la mentalità mondana, per cui alla fine gli uomini giustificano quello che non riescono a non fare. (..)
Continua...

(Luigi Giussani)

Ebraismo

COME SI SVOLGE IL SEDER DI PESSACH
Il Seder (Leylè Pessach; lett. “ordine [delle sere di Pessach]”) costituisce l’insieme di atti e lettureseguito nelle case ebraiche la prima (fuori d’Israele anche la seconda) sera di Pessach. Gli scopi delSeder sono essenzialmente due: ricordare la liberazione dalla schiavitù egiziana e trasmetterne ilmessaggio alle nuove generazioni, destando particolarmente l’attenzione dei bambini. Finché il Betha-Miqdash (Tempio di Gerusalemme) è esistito, l’atto principale consisteva nell’offerta e nellaconsumazione del Qorban Pessach (Sacrificio Pasquale, consistente in un agnello arrostito allospiedo) insieme alla Matzah (pane azzimo) e al Maròr (erba amara), cui prendeva parte tutta lafamiglia, secondo la prescrizione della Torah (Shemot 12). Dopo la distruzione del Tempio non èpiù stato possibile compiere il sacrificio.La bibliografia in proposito è vastissima1. Scopo del presente scritto è illustrare al pubblico italianole principali Halakhot del Seder. Ci soffermeremo dunque prevalentemente sulla parte normativa,riportando riflessioni sul significato dei vari atti solo per quanto attiene alla Halakhah da seguire.
Continua...

(Alberto Moshe Somekh, rabbino capo di Torino)
Islam

Gesù profeta del Corano
Come è noto, anche se l’Islam non riconosce Gesù come Dio lo venera comunque come grande profeta e onora sua madre Maria. Ritroviamo Gesù in ben 93 versetti in 15 sure del Corano. «Non e stato ucciso, è stato elevato da Dio e discenderà sulla Terra alla fine dei tempi per liberare il mondo dalla presenza satanica dell'anticristo».
… Ho seguito il cammino della croce, ho conosciutoil tormento del profeta, io, io sono stato tradito; mille Giudagridano: crocifiggete l'Arabo,e, come te vivo ancorasul legno della morte, che incontro ogni giornoe, come te vivo ancoracome le ferite nel tuo corpo, il mio corpopiccoli tralcifanno sgorgare una lacrima sulla guancia di tua madre,mia madreda Croce degli UominiMahmud Sobh (1936), poeta e docente universitario palestinese
Continua...

(Adel Jabbar)
Studi Biblici

Discorso del Papa alla comunità accademica del Pontificio Istituto Biblico

Roma 26/10/2009

Sono trascorsi 100 anni dalla nascita del Pontificio Istituto Biblico. Nel corso di questo secolo, è certamente aumentato l’interesse per la Bibbia, e, grazie al Concilio Vaticano II, soprattutto alla Costituzione dogmatica Dei Verbum - della cui elaborazione fui diretto testimone partecipando come teologo alle discussioni che ne hanno preceduto l’approvazione – si è avvertita molto più l’importanza della Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa”: lo ha detto il Papa stamane in Vaticano, ricevendo in udienza docenti, studenti e personale del Pontificio Istituto Biblico, che festeggia il centenario di fondazione.
Continua...

Tomismo

Guida allo studio del De Ente et Essentia di Tommaso d'Aquino

A cura di Andrea Porcarelli

1. IntroduzioneL'opuscolo filosofico De Ente et Essentia ("Sull'ente e l'essenza") è sempre stato considerato un sintetico compendio della metafisica tomista e per questo ha attirato l'interesse di molti commentatori e studiosi fin dal secolo XIII. Ancora oggi si presta molto bene ad essere usato in chiave didattica, aiutando a risolvere un problema non da poco per quanto concerne l'insegnamento della filosofia medievale: da un lato, infatti, vi è l'esigenza di un approccio al pensiero filosofico basato su un uso sostanzioso di testi, letti per ampie selezioni o integralmente, dall'altro lato vi sono autori di importanza cruciale (Tommaso D'Aquino è tra questi) che hanno disseminato le loro riflessioni in opere molto ampie (come la Summa Theologiae o la Summa Contra Gentiles). Una rilettura attenta degli opuscoli filosofici può consentire di superare tale ostacolo ed accostare in modo didatticamente efficace un autore come Tommaso D'Aquino.
Continua...

LECTIO DIVINA

Gv 8,1-11 (L’ADULTERA)

Enzo Bianchi - Priore di Bose

Sorelle e fratelli carissimi,è la misericordia del Signore che questa sera ci ha convocati qui, voi e me, per ascoltare il Vangelo e contemplare la misericordia di Dio, il Padre. Io sono nella gioia per il fatto di essere di nuovo qui con voi, e ringrazio in particolare il vescovo mons. Erminio De Scalzi per l’invito rivoltomi. Con questa gratitudine nel cuore cercherò di essere in mezzo a voi un’umile eco della Parola del Signore, quella Parola che è vita per noi tutti.
1. Un testo che ha conosciuto una storia particolareAbbiamo ascoltato Gv 8,1‐11, il brano evangelico che narra l’incontro tra Gesùe una donna sorpresa in adulterio. È un testo che la chiesa ha sempre ritenutoVangelo autentico, dunque appartenente al canone dei libri biblici ispirati, eppure –come è noto – ha conosciuto una storia strana e particolare. È ignorato dai padri dellachiesa greca fino al XII secolo e ancora nel 1546, in occasione del Concilio di Trento,vi sono alcuni che vorrebbero espungere questa pericope dai vangeli. Nei più antichimanoscritti questo testo manca, poi lungo i secoli vaga come un masso erratico dellatradizione evangelica: lo troviamo ora all’interno del vangelo secondo Luca, ora inquello giovanneo…
Continua...

Ecumenismo

QUALE UNITA’ CERCANO I CRISTIANI?

Paolo Ricca - Pastore Valdese

I cristiani non sono oggi divisi sui primi due articoli del Credo: tutti credono e confessanounanimemente il Dio trinitario della rivelazione biblica, Padre, Figlio e Spinto Santo. Tutti credono econfessano Gesù Cristo, Signore e Salvatore, vero Dio e vero uomo. I cristiani sono invece divisi sul 3.articolo del Credo, e cioè sulla Chiesa, sul modo dì intendere la sua natura e struttura, la sua missionee testimonianza, il suo messaggio e il suo modo di essere e vivere nel mondo. L'unità dei cristiani sifarà quando essi si accorderanno su ciò che la loro unità significa e comporta.Quali concezioni dell'unità cristiana si confrontano oggi nel movimento ecumenico? La nozione diunità della Chiesa cattolica romana è stata chiaramente formulata dal Concilio Vaticano II, che nelsuo testo fondamentale, quello sulla chiesa intitolato Lumen gentium, afferma che, sul piano dellastruttura l'unità della chiesa è costituita dall'unità dell'episcopato e quest'ultima, a sua volta, è fondatasul papato e, più precisamente, sul primato papale. In Pietro - dice il Concilio - e nel papa ritenutosuo successore Cristo stesso "stabilì il principio e fondamento perpetuo e visibile dell'unità dellafede e della comunione"(n. 18). Continua...